Posts Tagged ‘k. silem mohammad’

Da un po’ K. Silem Mohammad mi ha invitato a the flarf list, ovvero la lista di discussione di flarf, quella specie di area/gruppo/corrente della nuova poesia sperimentale statunitense di cui Mohammad è, sicuramente, uno degli autori più interessanti. Non ho mai avuto modo di partecipare, non sapendo in effetti in che termini farlo. L’invito […]


Anche in risposta al commento di Riccardo Cavallo al post precedente e in riferimento alla mia prefazione a Notazine n° 3, riporto il secondo dei “tre paragrafi” miei e di Marco Giovenale: In questo senso, si può notare che, a fronte del disfarsi del mondo nelle centomila versioni che quotidianamente ci vengono fornite, le scritture […]


François Luong cita le mie traduzioni di K. Silem Mohammad e di Gary Sullivan in un post datato all’11 novembre scorso (io l’ho scoperto solo l’altro ieri: questo per dire come funziona il tempo nell’on line ;-). I punti che François solleva, rispetto alla questione della traduzione in genere e della traduzione della cosiddetta poesia […]


Fino all’aprile del 2004, la mia conoscenza della poesia degli Stati Uniti era meno che scolastica e consisteva, negli effetti, in una frammentaria lettura dell’antologia della New American Poetry, in un corso seguito al primo anno di lingue su The Waste Land ed in poche citazioni da Whitman e da Dickinson. Nell’aprile del 2004, però, […]